Parto in acqua

Il parto in acqua nasce dall’esperienza del medico russo Igor Tjarkowskij e si è diffuso in Europa grazie all’opera del francese Michel Odent.
“Travaglio e parto costituiscono una grande prova fisica: la donna si misura con il proprio corpo, ma anche con la propria mente, con le proprie paure, con il dolore e la capacità di sopportarlo. Nascere è un evento naturale e come tale si realizza, se al neonato è data la possibilità di passare dal liquido amniotico che avvolge il feto nella vita prenatale all’acqua della vita postatale”
M. OdentIn Italia, negli ultimi anni, superati alcuni inconsistenti pregiudizi, la modalità del parto in acqua si sta progressivamente diffondendo ed è diventata una delle opportunità a disposizione della mamma per dare alla luce il proprio bimbo.

parto-acqua3

L'acqua è un ambiente ideale per realizzare un parto naturale, con diversi vantaggi per la partoriente rispetto alla modalità classica e con assenza di rischi se vengono rispettate le giuste indicazioni.
L’evidenza indica che il parto in acqua offre una serie di vantaggi alla donna, riducendo il dolore materno durante il parto e la richiesta di analgesia, favorendo il raggiungimento di un rilassamento ottimale e una maggiore libertà di movimento della partoriente; ma soprattutto offre un’esperienza vissuta in maniera gratificante dalla donna che, assumendo un ruolo attivo, si sente al centro dell’evento, vivendo il proprio parto nella più completa libertà e nella massima intimità.
Il team ostetrico del  Policlinico Sacro Cuore vuole creare una struttura ed un ambiente che permettono di offrire all’utenza una nascita sicura, salvaguardando l’intimità e l’individualità della persona.

2

Altro in questa categoria: « Yoga in gravidanza Attività »
Home Attività Gravidanza Parto in acqua